Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Archive for aprile, 2013

Images

L’ESPERTO CINOFILO LUCA ROSSI PER LA PRIMA VOLTA IN PUGLIA!

 locandina

Arriva per la prima volta in Puglia il Leader indiscusso della “Psicologia Canina, dell’Aggressività, dei Sistemi di Comunicazione e Apprendimento dei Cani”. Luca Rossi è anche  autore del libro “Clicker Trainining: il cane che pensa!”, è il fondatore del Centro Studi del Cane Italia ASD scuola di formazione cinofila riconosciuta dall’ENCI – Ente Nazionale della Cinofilia Italiana. Divulgatore e formatore cinofilo, appassionato di attività e sport cinofili. Il 29 Novembre 2007 Luca Rossi è riconosciuto Istruttore Cinofilo ENCI, secondo il disciplinare cinotecnico dell’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana.

Grazie ai suoi insegnamenti, moltissime persone hanno cambiato in meglio la loro vita e quella dei loro fedeli amici a 4 zampe. Solitamente i suoi corsi e stage si tengono al nord Italia, mentre questa volta,  grazie alla collaborazione di Francesco Damico, allievo del Centro Studi del Cane Italia, LUCA ROSSI  verrà per la prima volta in Puglia e nel Sud Italia, precisamente a Barletta (BT) dove terrà una Conferenza Cinotecnica intitolata “L’AGGRESSIVITA’ DEI CANI CHE SFUGGE AI SUOI PROPRIETARI e uno Stage “APPLICAZIONE DEL CLICKER TRAINING NELL’INSEGNAMENTO MODERNO DELL’OBBEDIENZA”.

Gli eventi, si terranno a Barletta, dal 4 al 6 Ottobre 2013!

Se il tuo cane non obbedisce e vuoi interagire con lui utilizzando i metodi più all’avanguardia, questo è il momento di prendere una decisione radicale per migliorare le vostre relazioni. Regalati questo corso, che in breve tempo, potrà condurre alla totale complicità e sinergia, te e il tuo compagno di vita a quattro zampe.
Luca insegna alle persone come cambiare il modo di vedere e gestire il rapporto tra uomo-cane creando stabilità nei loro rapporti.

Tramite i suoi insegnamenti è possibile cambiare o rafforzare la propria idea di “ADDESTRARE ed EDUCARE I CANI CON IL METODO GENTILE”, ovvero il modo con il quale ognuno di noi, gestisce il rapporto con il fedele compagno di vita e la conseguente convivenza futura.


Nei 2 giorni di Stage  imparerai i segreti del mondo della cinofilia, aumenterai esponenzialmente la tua sicurezza sugli argomenti che più ti appassioneranno e rimarrai stupefatto da quanto sarai in grado di fare una volta che avrai compreso la complessità del mondo cinofilo. Metterai direttamente in pratica gli insegnamenti ricevuti e vedrai subito in atto il cambiamento del rapporto relazionale tra te e il tuo cane. Imparerai tutto quello che ti occorre per liberarti dalle incomprensioni e dalle preoccupazioni gestionali.


Non perdere questa occasione più unica che rara!

Prenota subito il tuo posto, ce ne sono solo 10 ancora disponibili, ad un prezzo speciale.

Io ci sarò, ti aspetto!.

Organizzatore dell’evento Francesco Damico cell. 320/2982429

info@educatoreaddestratorecinofilo.it

www.educatoreaddestratorecinofilo.it


Images

AGGRESSIVITA’ DEL CANE

L’AGGRESSIVITA’ DEL CANE

cane aggressivo

Uno dei problemi comportamentali più frequenti e difficile da gestire per il proprietario di un cane, è l’aggressività. L’aggressività è l’insieme dei comportamenti messi in atto per intimidire o danneggiare, un altro essere vivente in determinate situazioni ed è regolato sia dalla genetica sia dall’adattamento all’ambiente. Approfondire la storia del cane è molto importante e fondamentale per comprendere ed  individuare l’eventuale trauma subito e le cause che sprigionano l’a aggressività.

Per risolvere la problematica e ottenere degli ottimi risultati, è necessario l’intervento di un educatore /addestratore cinofilo esperto in problematiche comportamentali che con interventi mirati e correttivi, sia in grado di capire il tipo di aggressività manifestata dal cane e la sua motivazione. Ovviamente da parte del proprietario ci deve essere molta determinazione, costanza e pazienza perché si va a lavorare sul riequilibrio della mente del cane impartendo delle nozioni comportamentali indispensabili per la risoluzione del problema. Nel cane, possono verificarsi diverse forme di aggressività ma quasi tutte, si presentano con posture facilmente riconoscibili a seconda che si tratti di aggressività di attacco o di difesa.

Nel caso di aggressività d’attacco, vedremo il cane ringhiare, drizzare le orecchie, digrignare e mostrare i denti, abbaiare, drizzare il pelo, sguardo diretto, coda alta ecc., nel caso di aggressività di difesa, vedremo mostrare i denti, coda tra la zampe, sguardo laterale fisso, orecchie basse, mordere l’aria ecc.

Francesco Damico COACH4DOGS Cell. 3202982429
info@educatoreaddestratorecinofilo.it
www.educatoreaddestratorecinofilo.it

Post

CONFERENZA CINOTECNICA CITTA’ DI ALCAMO (PALERMO)

Il giorno 04 Maggio 2013 il Centro studi del Cane Italia, svolgerà una Conferenza Cinotecnica nella citta’ di Alcamo (PA). Relatore dell’evento  Luca Rossi, si parlerà degli studi sull’aggressività del cane.conferenza cinotecnica citta di alcamo

Images

II° Meeting del Cane Citta di Alcamo (PALERMO)

 

 

 

 

 

 

Il giorno 05 Maggio 2013 il Centro studi del Cane Italia, svolgerà una Sfilata di Bellezza Amatoriale nella citta’ di Alcamo (PA). Conduce l’evento Luca Rossi, l’esibizioni Cinotecniche saranno a cura di Crhistine Feichtinger con i suoi meravigliosi cani: Estrid, Magalì, Finn, Luvi & la mitica Sea.
meeting del cane citta' di alcamo

Post

Gara di Obedience ENCI

11/12 Maggio 2013 – Gara di Obedience ENCI

  

Salsomaggiore Terme – PARMA  

Giudice: ANAELA TUZZI
Squadra Obedience Team Nazionale CSdCI
Images

IL CANE NON ENTRA NELLA CUCCIA

cuccia del caneNonostante il tuo cane abbia una cuccia invidiabile e confortevole, può accadere che, non abbia nessuna intenzione di entrarci.  Il suo rifiuto può dipendere da semplici motivi, ma in alcuni casi anche dal carattere del cane. Infatti un cane dominante desidera essere al centro dell’attenzione quindi tra la gente , mentre un cane sottomesso preferisce essere lasciato in pace e appartato.

Alcune delle motivazioni che inducono il cane a non amare la propria dimora sono:

  • la cuccia non è ben sistemata all’interno del suo territorio e quindi il cane non riesce a controllare l’ingresso della proprietà o l’ingresso di casa;
  • ha degli odori sgradevoli;
  • se è già stata utilizzata da un altro cane, preoccupati di lavala abbondantemente  senza utilizzare deodoranti troppo  forti;
  • non è abbastanza comoda per  lui;
  • nonostante il suo innato desiderio di protezione non sente il bisogno di una dimora fissa;
  • mancanza di pulizia del cuscino o coperta da lui utilizzati;
  • non è abbastanza riparata d’inverno;
  • non è stata disinfestata frequentemente durante la stagione estiva e  può contenere insetti fastidiosi e pericolosi per il tuo amico a quattro zampe;
  • la cuccia è vicina ad una recinzione senza protezione quindi viene infastidito da altri cani  o persone;

Se dopo aver rispettato questi piccoli accorgimenti, noti che il cane entra nella sua cuccia solo per dormire è già un buon segno, se invece noti che dorme altrove, posiziona la cuccia  lì dove lui ha dormito e rendi poco agevole l’accesso al precedente posto.

Se noti che così facendo non  ottieni risultati, mettilo in condizioni di fare la scelta di entrare nella cuccia  o di dormire vicino ovviamente senza forzarlo. Prova  a giocare con lui buttando all’interno il suo gioco preferito, fatti rincorrere intorno alla cuccia, fai in modo che vada nella cuccia a prendere  i suoi giochi.  Quando sei certo che il cane avrà fatto della cuccia la sua dimora  abituale ma non è posizionata nel posto per te più idoneo e agevole devi precedere allo spostamento  della cuccia con molta attenzione  e senza che lui se ne accorga.

In sua assenza sposta la cuccia poco per volta  verso la direzione definitiva da te voluta, di circa 1 metro ogni 2 -3 giorni,  facendo in modo che lui non noti assolutamente nessun cambiamento e fai attenzione a rimettere la ciotola dell’acqua alla stessa distanza  dalla cuccia   così com’era  prima per evitare che il tuo cane noti anche solamente una minima differenza al suo rientro. Se noti un rifiuto da parte del cane lascia la stessa posizione per ancora qualche giorno poi riprova.

Bisogna inoltre fare molta attenzione ai cani a pelo lungo, perché loro non soffrendo molto il freddo possono non sentire la necessità di ripararsi nella cuccia, a differenza di quelli a pelo corto che invece ne risentono maggiormente e tutto ciò dipende dalla capacità di sopportazione della temperatura esterna che i nostri amici a quattro zampe hanno.

Tutti i cani che vivono all’aperto, hanno bisogno di un ricovero protetto, a patto che sia di loro gradimento, se il cane continua a rifiutarsi di entrare nella cuccia, utilizza un posto  coperto asciutto e confortevole.

Francesco Damico COACH4DOGS Cell. 3202982429
info@educatoreaddestratorecinofilo.it
www.educatoreaddestratorecinofilo.it

Articles

AL MARE CON FIDO 2013

 

al mare con fido

27/28 Aprile 2013 – Grande Evento CSdCI ASD
AL MARE CON FIDO 2013
SPETTACOLO CINOTECNICO
Attività Cinosportive
con gli Istruttori del Centro Studi del Cane
Italia
Marina Romea
Ravenna
Evento Nazional Popolare
… vuoi partecipare a questi due giorni di cinofilia sul mare? Occasione unica
ed assistere al più grande spettacolo cinotecnico italiano.per divertirti insieme al tuo fedele amico a 4 zampe
Ci sono pacchetti ospitalità organizzati per Te!
Enrica Campostano: 333.5877017

Francesco Damico COACH4DOGS Cell. 3202982429
info@educatoreaddestratorecinofilo.it
www.educatoreaddestratorecinofilo.it

Images

COME SCEGLIRE E DOVE POSIZIONARE LA CUCCIA DEL TUO CANE

cuccia del cane

Se abbiamo deciso di prendere in casa con noi un cane, sappiamo benissimo che la sua presenza comporterà per noi delle grandi responsabilità e dei sacrifici ma il nostro amico a quattro zampe, sarà in grado di ripagarci con delle grandissime soddisfazioni e tanto affetto.

Il nostro amico a quattro zampe, oltre al aver bisogno di cure, ha necessità di avere una dimora fissa (una cuccia, una cesta, una brandina),  dormire serenamente. E’ cosa giusta predisporre la sua cuccia prima dell’arrivo in casa in modo tale che abbia ben chiaro quale sia il suo posto.  La cuccia deve essere un luogo sicuro tranquillo, dove il cane deve sentirsi protetto. La userà per riposarsi, per rilassarsi, per dormire, come rifugio se sarà spaventato, quando vorrà mordere il suo gioco preferito, per mangiare tranquillo nella sua ciotola lontano da persone o altri animali che potrebbero infastidirlo.

Se avete un giardino e avete deciso di prendere una cuccia, per poter fare la scelta giusta, bisogna tener presenti diversi fattori come ad esempio la taglia del cane e la sua robustezza.

E’ preferibile sceglierla in legno perché e un materiale isolante ed ecologico. E’ indispensabile non posizionarla direttamente sul terreno per evitare che possa assorbire umidità, bisognerebbe posizionarla sotto una tettoia per evitare che sia direttamente esposta agli agenti atmosferici. La posizione della gabbia è molto importante infatti è preferibile posizionarla in un luogo tranquillo poco rumoroso e in un luogo fresco d’estate e caldo d’inverno.

E’ sconsigliato posizionare la cuccia

–         in un luogo rumoroso o dove c’è spesso molta gente,

–         dove c’è molto vento,

–         su un terrazzo privo di tettoia protettiva per il caldo e il freddo.

Oltre al tipo di cuccia, è molto importante allestirla per renderla accogliente e funzionale per il vostro cane.

Posizionate all’interno della cuccia di qualunque genere essa sia un cuscino, il suo gioco preferito e una coperta per permettere al nostro cane di stare comodo ma soprattutto caldo nei mesi invernali.

Se siete appassionati di bricolage, potete provvedere personalmente alla realizzazione della cuccia per il vostro cane rendendola originale, stravagante e caratteristica, ricordandovi però di sollevarla dal terreno e di realizzare un tetto spiovente.

E’ importantissimo lasciare vicino alla cuccia a disposizione del cane la ciotola per l’acqua  e controllare che sia fresca e pulita. Per la ciotola della pappa invece  ricordatevi di toglierla a fine pasto e di non lasciarla sempre a sua disposizione. Solitamente va tolta 15 minuti dopo dal momento in cui l’abbiamo posizionata per il cibo e  va ridata al cane solo al pasto successivo. Questo è importantissimo per una questione di educazione del cane.

Francesco Damico COACH4DOGS Cell. 3202982429
info@educatoreaddestratorecinofilo.it
www.educatoreaddestratorecinofilo.it

Images

COME PREVENIRE IL COLPO DI CALORE DEL VOSTRO CANE

IL CANE E IL CALDO

Con l’arrivo della bella stagione e soprattutto dell’estate, è bene prendere delle precauzioni e seguire dei piccoli consigli per evitare che il nostro cane possa     essere vittima di un colpo di calore.

– E’ molto importante fare attenzione all’orario in cui decidiamo di portare fuori il nostro cane per la passeggiata quotidiana e per giocare. Evitate di uscire nelle ore più calde della mattina e del primo pomeriggio soprattutto se il cane è in

sovrappeso. E’ consigliabile dedicarsi al gioco e alle passeggiate nelle prime ore del mattino oppure la sera;

– Ovunque decidiate di portate il vostro amico a quattro zampe, non dimenticate mai di portare con voi  l’acqua e la ciotola. Se volete un consiglio, potete congelate un giocattolo preferito del vostro cane così potrà rinfrescarsi giocando;

– Nelle giornate molto calde, è possibile divertirsi con il proprio cane anche in casa giocando con i suoi giochi preferiti e coccolandolo maggiormente.  Ovviamente portatelo fuori appena la temperatura si sarà rinfrescata.

– Fate molta attenzione al colore del manto del vostro cane perché i cani dal pelo scuro attirano maggiormente i raggi solari e tendono a surriscaldarsi prima. Per I cani dal manto chiaro, invece fatevi consigliare dal vostro veterinario perché sono più soggetti a scottature e tumori della pelle, in


– Osservate spesso il vostro cane quando siete fuori e fate molta attenzione ai segnali di surriscaldamento. Il primo segnale d’allarme è dato dall’affanno eccessivo
, sarà quindi il caso di spostarsi in un luogo più fresco o in ombra e farlo bere abbondantemente.  particolare nella zona del muso e sulle orecchie.

I cani più soggetti al colpo di calore sono quelli dal muso corto ( boxer, carlini o bulldog) che hanno una respirazione più faticosa che rende più difficile il loro raffreddamento;

– Nei mesi di caldo eccessivo, non sottovalutate i viaggi di media e lunga percorrenza in auto, evitate di lasciare il vostro amico a quattro zampe in macchina perché la sua temperatura potrebbe aumentare molto velocemente. Accertatevi di aver lasciato i finestrini ben aperti e di parcheggiare l’auto in un luogo ben ombreggiato.

 perchè potrebbe volervi comunicare nel suo linguaggio dei segnali di colpo di calore.

Francesco Damico COACH4DOGS Cell. 3202982429

info@educatoreaddestratorecinofilo.it

www.educatoreaddestratorecinofilo.it

Video

La socializzazione cane bambini