Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X
Video

STIMOLAZIONE PRECOCE DEL CUCCIOLO

images(Cit.Piaget)  “l’intelligenza è ciò che si usa quando non si sa cosa fare”  (e quindi si è costretti ad arrivare ad una soluzione facendo tesoro di quanto appreso in precedenza, ndr )

 

 

Un cucciolo precocemente stimolato possiede: una corteccia cerebrale più spessa,
un numero superiore di connessioni neuronali, un’alta concentrazione di enzimi cerebrali, ghiandole adrenaliniche più forti, maggiore resistenza allo stress e di conseguenza, una maggiore capacità di adattamento all’ambiente e a nuove situazioni.

“La ricerca ha dimostrato che sia la genetica, che l’ambiente, contribuiscono (in proporzioni discutibili) a definire chi siamo, infatti entrambe provocano degli effetti alterando l’organizzazione delle sinapsi nel cervello!”

Recenti studi, hanno accertato che le novità costituiscono un paradosso facilmente osservabile principalmente nei cuccioli, infatti, l’introduzione di una novità nell’ambiente abituale del cane, mette in atto contemporaneamente due meccanismi: uno di paura e l’altro di curiosità. La reazione più ricercata è quella d’indifferenza o attiva esplorazione, cioè la curiosità per il nuovo stimolo.
La stimolazione precoce è particolarmente efficace, infatti se si presentano al cane nuovi stimoli all’interno di periodi particolarmente sensibili e nel modo giusto, lui trasformerà lo stimolo da sconosciuto a conosciuto.

ASSUMERE GLI STESSI ATTEGGIAMENTI O RIPETERE AZIONI PER ABITUDINE, PORTA A LUNGO TERMINE AD UNA PERDITA DELLE SINAPSI, MENTRE LA  CONTINUA STIMOLAZIONE, PROVOCA UN LORO AUMENTO.

Alcuni comportamenti del cane (innati) sono immodificabili dall’ambiente: altri si modificano!

“I comportamenti innati utilizzati per trovare il cibo tra i quali la caccia dipendono più dall’apprendimento che dai comportamenti innati della consumazione del cibo, mentre la riproduzione e la predazione sono governati prevalentemente dall’istinto” (Gould, 1977).

Per migliorare la relazione tra cane e proprietario e per  stimolare le gratificazioni, è molto importante la fase della stimolazione precocce del cucciolo.

Le gratificazioni sono rappresentate:

–         dal cibo

–         dalla stimolazione al gioco direttamente con il proprietario

–         dalla stimolazione alla predazione

Per stimolare il cane al gioco, è importante sviluppare nel cucciolo, l’istinto ludico, cioè creare attraverso il gioco un’intesa tra il cucciolo e il proprietario che avviene tramite giochi come ad esempio: treccia, manicotto di juta, cordicelle, giochi mentali, ecc., queste stimolazioni sono molto importanti affiche il cucciolo inizi ad instaurare una buona relazione con il proprietario.

Strategie da utilizzare:

Giocare con il cane con più giochi, in maniera alternata, in modo tale che il cane sia sempre attento e orientato non solo sul gioco, ma principalmente sul proprietario stesso.

Il cane deve trovare gradimento sia verso il gioco ma anche verso il proprietario, devono praticamente divertirsi entrambi creando così una sorta di intesa e complicità.

E’ importante, giocare con il cucciolo in maniera attiva e con fisicità, cercando di diventare noi stessi il gioco del cane attraverso una forte attrazione personale.

Giocando al gioco dello straccetto il proprietario stimola il cucciolo alla predazione, trasmettendo un messaggio chiaro e preciso: il gioco è qui è mio e non te lo voglio dare e se lo vuoi devi venirlo a prendere.

Durante la crescita, un cucciolo oltre alla stimolazione precoce, ha bisogno del condizionamento dei comportamenti, che deve avvenire mediante il clicker training che è un metodo gentile di apprendimento e di comunicazione. Tale condizionamento è molto importante per fare in modo che il cane in età adulta possa sviluppare i processi di apprendimento. Per utilizzare in maniera corretta le strategie didattiche del clicker training bisogna studiarle e metterle in pratica con l’ausilio di un professionista, per evitare dei condizionamenti sbagliati. E’ importantissimo che il cucciolo debba sperimentare il gioco, debba relazionarsi con il proprietario attraverso il gioco attivo, debba iniziare a conoscere il metodo del clicker training, come metodo di apprendimento in quanto un cucciolo di 2-3 mesi è già in grado di imparare una struttura didattica.

Francesco Damico COACH4DOGS Cell. 3202982429
info@educatoreaddestratorecinofilo.it
www.educatoreaddestratorecinofilo.it

Leave a comment  

name*

email*

website

Submit comment